Il miliario di Bari

Il miliario di Bari: una testimonianza urbanistica romana

Costeggiando le antiche mura della città di Bari, comunemente definite come “la muraglia” abbiamo il piacere di osservare una fila di colonne di epoca romana. Una in particolare spicca per il suo biancore ma indubbiamente si differenzia dalle altre. Si tratta di un miliario.

Brevi pillole storiche
L’epoca romana è ricordata anche per le immense operazioni urbanistiche compiute. Tra queste ci sono anche le strade. Oggi siamo abituati a vedere tante indicazioni per raggiungere una meta precisa. Ecco, anche i romani avevano i loro “cartelli stradali” definiti miliari. Sono colonne bianche lapidee poste sul ciglio della strada che indicavano il miglio, vale a dire la distanza da percorrere per raggiungere la città. Quindi immaginiamo queste grandi vie, come la via Appia tappezzate da queste colonne che indicavano il cammino…

Ti svelo un segreto
In particolare, il miliario esposto a Bari è molto particolare perché tramite le scritte conservate sul fusto della colonna, riusciamo a dare una datazione e a capire anche di che strada si tratta. La scritta è la seguente:

CXXVIII
Imp(erator) Caesar
Divi Nervae f(ilius)
Nerva Traianus Aug(ustus) Germ(anicus)
Dacic(us), pon(tifex) max(imus),
tr(ibunicia) pot(estate) XIII, imp(erator)
VI, co(n)s(ul) V,
p(ater) p(atriae),
viam a Benevento
Brundisium
pecun(ia) sua fecit

Traduzione:
128
L’imperatore Cesare, figlio del dio Nerva, Nerva Traiano Augusto Germanico Dacico, Pontefice Massimo, nel tredicesimo anno della tribunicia potestas, nel sesto anno da imperatore e nel quinto anno da console, padre della patria, realizzò con le sue ricchezze una via da Benevento a Brindisi.

Da ciò capiamo che la via del cammino che passava per Bari era la via Traiana, strada realizzata durante l’imperatore Traiano, nel 109 d.C. La via considerata era la strada che collegava Benevento a Brindisi.

Cosa aspetti?
Se vuoi vedere di più… Visitala!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su