Il mosaico di Otranto

Roberto Langdone e il mistero del mosaico nel Duomo di Otranto

Roberto Langdone è ad Otranto in Puglia per leggere e osservare uno dei mosaici più misteriosi di epoca medievale: il mosaico nel duomo di Otranto.

Il Mistero
Il mosaico pavimentale ricopre interamente l’edificio religioso con i suoi numerosi soggetti e rappresentazioni di episodi. Il tema centrale è l’albero della vita, ma oltre al racconto tramite immagini di storie dell’Antico Testamento, vi sono anche soggetti di natura fantastica, come animali leggendari, personaggi storici e di natura pagana… Come mai un miscuglio di immagini così eterogeneo all’interno del duomo?

L’Analisi 
Otranto è famosa per essere stata una delle città conquistate dai turchi nel 1480. La tradizione vuole che persino gli invasori, con l’intento di distruggere la chiesa non hanno voluto intaccare la splendida testimonianza pavimentale, oggi sopravvissuta. Nonostante i fittizi racconti descritti, gli studiosi rimangono piuttosto affascinati da questi legami tra diverse culture all’interno del tema centrale del mosaico: l’albero della vita. Ancora oggi non si riesce a dare una risposta certa alla domanda della ragione della presenza di tali soggetti…

Le parole di Roberto Langdone

Il mosaico è davvero affascinante. Spesso siamo abituati ad alzare lo sguardo per ammirare le bellezze artistiche, qui invece l’esatto opposto… Ci abbassiamo… Come un libro da leggere abbassiamo lo sguardo e cerchiamo di leggere questo splendido mosaico.

Il mosaico è della seconda metà del 1100, voluto dal vescovo Gionata e realizzato dal monaco Pantaleone. La storia e la storia dell’arte ci insegna che in quel periodo, la Puglia incrociata dalle tradizioni bizantine (Oriente) e normanne (Occidente) utilizzava i mosaici e le altre forme artistiche per un fine edificante. 

Oggi sono numerose le suggestioni che riceviamo e immaginiamo per i numerosi misteri che avvolgono il mosaico, ma la risposta potrebbe essere più semplice del previsto… Il mosaico potrebbe rappresentare un vero e proprio racconto visivo di numerose tradizioni che all’epoca erano piuttosto “famose”: la tradizione cristiana, quella pagana, quella leggendaria, quella storica e così via..  Per questo la fusioni di tutte questi racconti ha avuto come risultato un mosaico imponente… 

Mi posso permettere di dire che il mosaico potrebbe rappresentare la storia dell’immagine dell’uomo medievale…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su