La Cattedrale di Bari

La Cattedrale di San Sabino: un edificio per l’Episcopo

La Cattedrale di San Sabino a Bari è ubicata a pochi passi da un altro importante edificio religioso nella città: la Basilica di Bari. I due edifici mostrano una certa somiglianza stilistica, ma hanno funzioni diverse ben specifiche.

Brevi pillole storiche
La Cattedrale è comunemente riconosciuta come edificio dove risiede la “cattedra” dell’Episcopo, vale a dire il vescovo. Le prime tracce della Cattedrale di Bari risalgono all’VIII secolo, un luogo religioso di puro stile romanico. Oggi, piccole tracce le ritroviamo in quello che è definito il succorpo della CattedraleDa allora, numerose modifiche sono state effettuate sia all’esterno che all’interno dell’edificio. La maggior parte delle volte, tutto ciò avveniva per gusto e piacere del vescovo, che come capo della chiesa locale voleva lasciare il suo segno. Per tale ragione, non c’è uno stile prevalente, ma possiamo sicuramente affermare che una certa somiglianza la ritroviamo con l’altro importante edificio della città: la Basilica di San Nicola.

La tradizione vuole che il vescovo, turbato dalla forte affluenza nel luogo dedicato a San Nicola, decise di ricostruire la Cattedrale, riprendendo lo stile architettonico della Basilica, definita “l’edificio dei baresi”. Ci sono delle importanti differenze, come ad esempio la presenza di finti matronei. Eppure lo stile rimane quello: edificio a tre navate separate da colonne e pilastri, il ciborio nella zona presbiterale e la presenza di una cripta.

Ti svelo un segreto
Due piccoli accorgimenti, all’interno della Cattedrale:

    • nella zona antecedente al presbiterio, guardando in basso, nel pavimento è stato creato una copia del rosone in marmo. Nel giorno del solstizio d’estate, i raggi del sole, intorno alle ore 17:00, attraversano il vero rosone raggiungendo l’immagine sul pavimento, combaciandosi perfettamente;
  • la cripta è una vera e propria foresta del barocco: i marmi verdi e oro risplendono l’intero luogo suddiviso in campate. I pilastri ricoprono le antiche colonne, depauperate dal tempo. Per ricordare questo, un pilastro è stato realizzato a metà proprio per far notare lo stato della colonna al suo interno.

Cosa aspetti?
Se vuoi vedere di più… Visitala!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su